Home Comunicazioni di Servizio Agire – Emergenza Siria: risorse insufficienti

Agire – Emergenza Siria: risorse insufficienti

7 89

SOTTOVALUTATE LE CONSEGUENZE UMANITARIE DEL CONFLITTO.
ULTIMO GIORNO PER CONTRIBUIRE TRAMITE NUMERO SOLIDALE 45500. DA DOMANI ATTIVO NUMERO VERDE 800.132.870.

Termina oggi la raccolta fondi tramite SMS solidale 45500 per finanziare i progetti di sostegno ai profughi siriani che le ONG di AGIRE stanno attuando in Siria, Libano e Giordania.
Una crisi tragica, che conta già quasi 30.000 vittime, un milione e mezzo di rifugiati interni in Siria e oltre 270 mila nei paesi limitrofi. In tutto il mondo, i mezzi di informazione hanno fornito un racconto piuttosto approfondito del conflitto e dei tentativi di mediazione avviati dalla comunità internazionale, ma poca attenzione e pochi finanziamenti sono stati dedicati alle conseguenze umanitarie della crisi. Come ha ben riassunto il capo delle operazioni della Mezza Luna Rossa Siriana: “A livello internazionale nessuno sta davvero mettendo mano al portafoglio, per dare denaro dove finora sono arrivate solo parole”.
Gli appelli che le Nazioni Unite hanno lanciato in questi mesi ai paesi donatori ammontano a un totale complessivo di 541 milioni di dollari. Questa cifra – indispensabile per portare gli aiuti necessari ai siriani ancora presenti nel paese e ai rifugiati che sono fuggiti nei paesi limitrofi – è stata finora coperta solo al 40%. Anche la raccolta fondi sui privati è finora altamente insufficiente: le agenzie umanitarie internazionali hanno ottenuto dai loro sostenitori contributi assolutamente insufficienti alla dimensione delle operazioni di soccorso necessarie. Lo stesso è avvenuto anche in Italia. L’appello lanciato nel mese di agosto da AGIRE e a cui ancora per oggi si può contribuire attraverso SMS solidale, ha finora raccolto solo 60.000, il risultato più basso che AGIRE abbia mai raggiunto in una campagna.
“I risultati di un sondaggio Doxa confermano che il 60% degli italiani è al corrente dell’esistenza di un’emergenza in Siria.” – spiega Marco Bertotto, direttore di AGIRE. “Di questi circa il 58% ritiene necessario un aiuto dall’esterno per affrontare l’emergenza, mentre il 48% è soprattutto preoccupato per le possibili ripercussioni sull’Italia (per l’arrivo incontrollato di profughi o le conseguenze politiche ed economiche della crisi). Eppure queste informazioni però non si trasformano in una mobilitazione. A differenza che in altre emergenze, l’opinione pubblica (non solo quella italiana) sembra non aver percepito appieno le dimensioni della tragedia umanitaria e soprattutto appare poco motivata a un intervento concreto” – conclude Bertotto.
“Il vero problema è che stiamo andando incontro all’inverno e se fino ad ora ce la siamo cavata con le poche risorse a disposizione adesso abbiamo bisogno di maggiore supporto economico.” Aggiunge Davide Berruti, capo missione di InterSos nel campo di Al Za’atri in Giordania. “Con il cambio delle condizioni climatiche sarà necessario passare dalle tende ai container per garantire condizioni di vita dignitose, anche perché gli scenari delineati non mostrano la possibilità di rientro dei profughi in Siria in tempi brevi. Spero che la comunità internazionale si stia organizzando per questo!”
Nel ringraziare tutti coloro che hanno dato il proprio contributo, i comuni che hanno illuminato i propri monumenti simbolo per l’iniziativa Red Alert e i 37 blogger di BloggaperAGIRE ( altra attività in chiusura
oggi) che hanno diffuso nella rete notizie sull’emergenza in Siria e nei paesi limitrofi, AGIRE annuncia che la raccolta proseguirà comunque fino al 31 dicembre 2012 attraverso i seguenti canali Numero Verde 800.132.870, attivo dal lunedì al sabato dalle h.09.00 alle h.19.00 On-line: con carta di credito, Paypal o PagoInConto (per clienti del gruppo Intesa Sanpaolo) sul sito www.agire.it In banca: con bonifico bancario su conto corrente di Banca Prossima intestato ad AGIRE ONLUS, Via Aniene 26/A – 00198 Roma. IBAN: IT64 R 03359 01600 100000013915 Causale: “Emergenza Siria”, oppure presso le agenzie delle Banche del Gruppo Intesa Sanpaolo utilizzando il codice “Grande Beneficiario” 9660 per ottenere la gratuità dell’operazione. In posta: con bollettino postale sul conto corrente postale n. 4146579, intestato ad AGIRE ONLUS, Via Aniene 26/A – 00198 Roma.

  • luca

    bravo Loris….ricordo a tutti che qui si parla di bimbi innocenti brutalmente torturati ;(

    io sono papa’ e mi si accappona la pelle <3

    • http://www.batista70phone.com Loris alias batista70

      Ne ho 2 anch’io e non ce la faccio a immaginare la sofferenza

  • Supermarine

    Non è che ‘sta gente è la stessa che va a buttar giù le ambasciate per protestare su quello che la stampa LIBERA scrive sul profeta?

    • http://www.batista70phone.com Loris alias batista70

      No questi sono quelli che scappano perchè la pensano in maniera diversa dagli integralisti.

    • callao78

      Stampa libera?no aspetta adesso insultare una religione si chiama cosi?se domani fanno un bel video sulla madonna che viene…e gesu che si fa. .voglio vedere la stampa libera.. Ci vuole comunque rispetto per le religioni altrui anche se io sono ateo ed il fatto che sia stato un ebreo a…mi lascia pensare che israele vuole questo putiferio verso gli americani cosi finalmente si decidono ad attaccare l iran…visto che al momento non vogliono, vorrei che oltre ai poveri bambini siriani, vittime di governi occidentali e non solo che guadagnano una palata di soldi fornendo armi a ribelli ed esercito regolare, vi ricordaste dei bambini e ragazzi palestinesi che da anni vengono uccisi sommariamente dall esercito di israele, ma nessuno dice nulla..tutti i bambini sono uguali e vanno difesi dalla crudeltà delle menti malate di alcuni “adulti”

      • Daniele

        Quoto in pieno ciò che dici e mi spaventa questo mondo fatto soprattutto di violenza e “dio denaro”