Home Comunicazioni di Servizio Tu vo fa l’Americano…..

[GUIDA] Tu vo fa l’Americano…..

16 454

Stars and Stripes 240x182 [GUIDA] Tu vo fa lAmericano.....

Qualche giorno fa, sul nostro Forum, un utente in procinto di partire per gli Stati Uniti, chiedeva informazioni su come e quali dispositivi acquistare nel paese dello “Stars & Stripes”. Leggendo la mia risposta, e conoscendo i miei trascorsi statunitensi, il nostro grande Giocoso mi ha suggerito di scrivere una mini guida che potesse essere d’aiuto a tutti coloro i quali vogliano chiarirsi le idee per comprare un telefono al di la dell’Atlantico. ATTENZIONE: ciò che scriverò non ha la pretesa di essere l’Enciclopedia del buon acquisto americano, ma solo dare la possibilità di non incappare in amare sorprese. Per una volta tralascerò la traduzione in inglese visto che chi in America ci vive saprà già come fare.

Partiamo con una necessaria avvertenza: in America, salvo alcune eccezioni che vedremo, non esistono negozi dove si vendano telefoni cellullari così come siamo abituati a vedere in Italia. Il 90% degli store sono quelli dei carrier fra i quali, in ordine di importanza, troviamo At&t, T-Mobile (che, pur essendo GSM, lavorano su frequenze leggermente diverse dalle nostre e potrebbero incorrere in qualche problema di connessione), Verizon e Sprint (i telefoni di questi ultimi due operatori, a meno che non si tratti di versioni “Global”, non funzioneranno in Europa in quanto con modulo radio CDMA) seguiti da una serie di operatori minori (U.S. Cellular ad esempio) che si appoggiano ai ponti radio dei quattro appena citati. Gli americani non comprano quasi mai un telefono, ad eccezione di necessità particolari per i quali esistono dispositivi pre-pagati da pochi dollari (e di scarsa qualità) che servono solo per telefonare in un periodo di tempo limitato. Gli americani comprano un abbonamento nel quale è incluso il telefono ed i carrier, proprio per questo, propongono prezzi molto convenienti puntando a legare il cliente con i servizi. Di solito la base di partenza sono i famosi 199,99$ per i dispositivi più importanti (iPhone, Galaxy Series, HTC, ecc) con due anni di contratto. I telefoni sono quasi sempre bloccati con un “operator lock” che, in ogni caso, non è difficle eliminare in maniera del tutto legale; presso gli store ufficiali degli operatori non troverete quasi mai telefoni sbloccati (anche se, in alcuni casi, a pagamento, è possibile ottenere che il provider fornisca i codici) e se non si è cittadini americani non è possibile sottoscrivere abbonamenti (il mio contratto AT&T, infatti, è intestato alla mamma di mia figlioccia); inoltre i cataloghi tra un operatore e l’altro sono molto diversi ed il dispositivo disponibile presso At&t potrebbe non esserlo presso T-Mobile, ad esempio (ricordate che fino all’anno scorso iPhone era un’esclusiva proprio At&t?) Quindi, per il nostro amico del Forum, quali alternative esistono? Partiamo dalle più sicure: le grosse catene commerciali. Le più famose sono, sicuramente, BestBuy, Radio Shack, Costco, CompUSA, Fry’s Electronic e WallMart (anche se quest’ultima è una catena di ipermercati generalisti all’interno dei quali esiste la sezione dedicata alla tecnologia). Qui, oltre che poter comprare il telefono con il solito contratto, sarà possibile trovare i dispositivi più importanti senza dover sottoscrivere nessunabbonamento. Attenzione a spiegare bene cosa si vuole acquistare perchè, come detto prima, il telefono potrebbe comunque essere bloccato e necessiterà dei codici di sblocco per funzionare.

La seconda alternativa, ed anche più rischiosa, è quella di rivolgersi a rivenditori indipendenti che vendono dispositivi che quasi sempre sono versioni europee importate negli States visto che, ultimamente, le case più importanti proprio per la diversa mentalità dell’utenza, tendono ad introdurre le proprie novità prima in Europa e solo in un secondo momento in America (è il caso di Samsung con Galaxy S2 e, più recentemente, con il Note). Non si ha mai la certezza che il telefono sia nuovo ed “illibato” e quindi bisogna procedere con mille cautele. Di solito questi rivenditori hanno dei piccoli spazi all’interno dei “Malls” i famosi ipermercati ai quali si sono ispirati tutti i mega centri nati in Italia negli ultimi 10/15 anni. Assolutamente da evitare, invece, quei negozi che espongono in vetrina “miliardi” di dispositivi elettronici (per chi conosce New York sono tutti quelli presenti nella zona di Times Square, per esempio), quasi sempre gestiti da extra americani nei quali, oltre a prezzi assolutamente proibitivi (ricordo il Nokia N95 venduto a 1200$ nel 2007) il rischio “fregatura” è molto alto.

In definitiva cosa dovrà fare il nostro amico? Armarsi di buona pazienza e, magari, farsi accompagnare da un locale, magari appassionato come lui che sappia guidarlo presso i posti giusti; io, proprio in questo modo, all’inizio del mio periodo americano ho trovato a San Francisco e San Diego dei negozietti che erano l’equivalente delle pasticcerie per i golosi, dove, tra l’altro, i miei telefoni europei suscitavano sempre molto, molto interesse.

Spero di aver contribuito a chiarirvi le idee e vi chiedo, nel caso abbiate acquistato il vostro telefono direttamente negli States (di persona, ovviamente) di riportare la vostra esperienza a beneficio di tutti gli utenti. A nome di Batista70phone vi ringrazio in anticipo. Ho omesso di proposito il discorso relativo ai dispositivi 4G (di qualsiasi tipologia) visto la totale assenza di tale tipo di connessione nel nostro “bel” paese.

Buon anno a tutti.

  • Cristian Caim

    Massi stupendo il titolo!!! ahahaahaha :D

    • http://www.batista70phone.com Massimiliano (aka Pigeonblood)

      ;-)

  • tnt

    io tra 4 giorni andrò a NY avete idee su dove trovare tab a prezzi “convenienti” oppure esistono dei siti dove riportano i “volantini” o le offerte di tutte le catene di negozi?

  • yassine1996

    Bellissima guida, però ad esempio volessi comprare un telefono americano e lo volessi usare in europa dove dovrei andare?

  • wontoniii

    Ciao Max, ottima guida.
    Aggiungo qualche mia opinione(vivo a Los Angeles ormai da quasi 6 mesi…): come dici tu la verità è che qui negli states il sistema con cui si comprano i cellulari è leggermente diverso ossia, è vero che come da noi è possibile fare abbonamenti, ma qui quando si sottoscrive un abbonamento di 24 mesi il telefono te lo danno veramente a un prezzo scontato(come dici tu di solito 199$ ma dopo quella cifra il telefono è TUO non in comodato d’uso, non devi pagare quote mensili e via dicendo).
    Purtroppo, visto che questo è il sistema, si finisce per avere casi sempre più comuni dove i rivenditori (es. Best Buy) caricano dei prezzi spropositati per i cellulari senza contratto; i prezzi di solito si aggirano verso i 699$ circa.
    Alla fine dei conti, l’opzione migliore se non si vuole spendere cifre esagerate è o affidarsi a siti internet famosi (se si può ne citerò un paio…) o affidarsi ai retailers degli operatori dove comprare un telefono a prezzo pieno con una sim ricaricabile. In questo modo si troveranno prezzi quali: sensation a 499$ e galaxy s2 a 529$(tutti e due da t-mobile). Per di più in casi fortunati si ha come nel caso del sensation la possibilità di fare l’unlock dell’operatore gratuitamente e legalmente grazie a XDA (già fatto e funziona ;) ) o comprare online questi codici(gli operatori di solito rilasciano gratuitamente tali codici ma bisogna essere clienti da minimo 4/5 mesi).
    Infine ci sono i casi più “fortunati” di tutti dove il cellulare è proprio venduto unlocked ma questi sono casi rarissimi. I pochi esempi che mi vengono sono: iphone 4s(se si vogliono spendere i relativi costi dell’iphone…) e nexus s.
    Spero di essere stato chiaro…
    Ultimo commentino da pignolino… ora come ora il più grande operatore è Verizon, seguito da At&t, Sprint ed infine T-mobile che arranca… ma in fin dei conti questo non cambia una mazza… :P

    • http://www.batista70phone.com Massimiliano (aka Pigeonblood)

      Grazie mille delle preziosi precisazioni, caro e salutami la città degli angeli. Risposta da pignolino: la sequenza degli operatori non era in ordine di importanza ma, per questione di composizione dell’articolo (aggiungere la precisazione sul CDMA) ho messo in coda Verizon ed Sprint anche se Verizon vince per qualità ed At&t per copertura.

      • iJedi

        E no, qui devo proprio contraddirti e quotare wontoniii, Verizon è il primo operatore americano in tutto, AT&T ha recuperato grazie all’iPhone in esclusiva, ma Verizon è sempre stato sopra (ed è solo grazie all’operatore rosso che Android è così forte in USA). Io ho abitato a San Diego 4 mesi (sono tornato a fine settembre) e tra tutte le persone che ho conosciuto il 95% aveva Verizon, il resto AT&T (tra cui io, per poter sfruttare il mio Desire, la SIM ce l’ho ancora e fra poco la userò nuovamente perchè vado un mese a NY in marzo), anzi uno aveva Sprint e il Nexus S 4G viaggiava proprio una meraviglia.

        Ah, ovviamente complimenti per l’articolo e auguri a tutti!

        • http://www.batista70phone.com Massimiliano (aka Pigeonblood)

          Grazie per i complimenti. Evidentemente dal 2009 (ultimo mio periodo negli States) Verizon ha compiuto il tanto agognato sorpasso. San Diego………..i miei amici, genitori di mia figlioccia, abitano a La Jolla, sai? E proprio li stavo io.

  • yassine1996

    Scusate ma se io dovessi comprare uno smartphone dall’america e portarlo in italia cosa dovrei fare??

  • Giocoso

    Bravo Massi, ottimo articolo!
    grazie per la citazione anche se non ce ne era bisogno. ;-)

  • claudio8

    grazie massi!
    bellissimo articolo e interessantissimo!!
    buone fine feste!!

  • zibo29

    Io racconto la mia esperienz da turista casuale negli States… Dopo una prima avventura a NY, la scorsa estate a Los Angeles ho deciso di acquistare due cellulari: ho optato per un iPhone 4 unlocked (giocavo sul cambio) in un Apple Store… e fin qui nessun problema… Ho poi puntato su uno smartphone Samsung per mio fratello. Essendoci per lo più store relativi ai carrier, ho puntato sulla catena di rivendita CellAgain… ho trovato un bellissimo (esternamente almeno…) Samsung Galaxy S Captivate ricondizionato (che doveva essere pari al nuovo) ed unlocked (a detta del venditore). Pur avendo una “garanzia” di 10 giorni io sono dovuto rientrare in Italia. Con la prima scheda Tim il cellulare non ha dato problemi, appena inserisco una scheda Vodafone inizia un’odissea… Brevemente il cellulare non era completamente unlocked, lo speaker posteriore andava a intermittenza e le chiamate iniziavano con 10sec di silenzio. Per fortuna ho un amico molto in gamba in riparazioni fai da te… ha smontato il dispositivo e ha saldato lo speaker posteriore risolvendo un primo problema… Tutti gli altri si sono risolti semplicemente flashando via ODIN una custom rom e ora il cellulare è perfetto, in virtù anche di un overclock flessibile che in caso di necessità fa raggiungere al processore i 1300 mHz. Quindi con un costo di 290$ rispetto al nuovo intorno ai 500$ ho avuto un cellulare ora perfetto, non senza però difficoltà e problemi che lo avrebbero reso un rottame per i meno esperti. Occhio quindi a queste catene…

    • http://www.batista70phone.com Massimiliano (aka Pigeonblood)

      Grazie mille del tuo feedback, Daniele. Questo dimostra che bisogna fare molta attenzione quando si sceglie il negozio o la catena nel quale comprare il dispositivo.

  • Matteo

    Riporto anche io la mia esperienza…Ho da poco acquistato per degli amici due iphone in america, a NY, pagandoli 541 euro l’uno (16GB iphone 4s). Il risparmio non è esagerato, tra l’altro ho dovuto acquistare l’adattatore per il caricabatterie che era ovviamente con la spina americana.
    Al punto vendita in cima alla 5a strada non ce li vendevano direttamente, bisognava prenotarli la sera e poi passarli a ritirare il giorno dopo, ma ovviamente il sito era intasato e non c’è stato modo di prenotarlo.. per cui sono andato in un altro punto vendita (a soho) e l’ho acquistato senza problemi, circa 20 minuti di fila (li vendono dopo le 18 di sera, ci si mette in fila un attimo prima e via).