Home Notizia Debutta Asapmarket.com L’alternativa italiana a eBay

Debutta Asapmarket.com
L’alternativa italiana a eBay

4 221
Schermata 11 2455894 alle 17.48.20 Debutta Asapmarket.com <br> Lalternativa italiana a eBayMilano, 26 novembre 2011 -­‐ Più sobri, più attenti agli sprechi, meno fidelizzati ai punti vendita; ma, soprattutto, più abili nella ricerca di promozioni e occasioni, per far quadrare i conti in tempo di crisi. Questo il ritratto degli italiani così come emerge dal rapporto Coop Nielsen 2011, che fotografa l’ardua situazione economica delle famiglie italiane. Una crisi che, tuttavia, riporta al centro dell’attenzione la qualità dei beni acquistati, tanto più apprezzabile nel momento in cui si ha la possibilità di non rinunciarvi senza sacrificare eccessivamente il portafoglio.L’innovativo sistema di e-­‐commerce www.asapmarkets.com, risposta Made in Italy a e-­‐Bay, appare come una efficace risposta a questa sempre più pressante necessità, consentendo agli utenti di aggiudicarsi i prodotti e i servizi più eterogenei (da cellulari a computer, da moto a vacanze) a prezzi incredibilmente competitivi, con risparmi oltre al 90% sui costi effettivi dei beni, assicurando sempre e comunque uno sconto minimo del 70%.Sembra incredibile ma è già realtà. Pensato e costruito da un team giovane e “globalizzato”, il sito si fonda sul sistema di aste aggregative a rialzo fisso. Per partecipare alle aste, è sufficiente registrarsi gratuitamente al sito, quindi acquistare i crediti (bids) necessari a partecipare alle aste, prenotando i propri acquisti: ogni bid è infatti una puntata su un prodotto. Nella fase iniziale dell’asta, quella di prenotazione, il valore di un prodotto, che parte in tutti i casi dalla somma di 0,01 Euro, cresce di 1 eurocent ogni volta che qualcuno lo “bidda”. Una volta che il prodotto ha raggiunto il valore minimo indicato si passa al cosiddetto final rush, ossia la fase di acquisto vero e proprio, in cui è possibile aggiudicarselo a cifre inimmaginabili (recentemente, per esempio, sono stati battuti un iPhone 4 a 13, 13 euro e una webcam Logitech a 56 centesimi) per poi vederselo recapitare a casa propria nel giro di soli 2 giorni.Rapido e divertente, il rivoluzionario sistema assicura anche a coloro che non sono riusciti ad aggiudicarsi un prodotto all’asta di godere comunque di altre vantaggiose possibilità, convertendo il proprio credito in asapoints da spendere nello shop on line di Asapmarkets. Non solo. Asapmarkets è una piazza virtuale vantaggiosa anche per chi decide di vendere i propri prodotti, sia professionalmente sia hobbysticamente, guadagnando molto di più che mettendoli in vendita su un qualsiasi altro sito di aste online o addirittura presso il proprio negozio o punto

“Punto di forza del sito, che lo differenzia da altri, solo apparentemente simili, specializzati nelle cosiddette “aste al centesimo”– spiega Mr Bid, soprannome dietro al quale si cela Livio Papiano ideatore e creatore del sistema Asapmarkets – è la sua capacità aggregativa. Se tutti possono vendere qualcosa guadagnandoci molto, tutti saranno cointeressati a promuoverlo. La nostra visione è di un futuro in cui i consumatori avranno la possibilità di scegliere se acquistare in negozio o su Asapmarkets, risparmiando fino a oltre il 90% sul prezzo di acquisto”.

La presentazione ufficiale di asapmarkets.com, attualmente in fase di BETA testing ma già operativo, ha avuto luogo a Milano lo scorso 26 novembre, presso l’Asapmarkets Events Hall @SIO, in zona Bicocca, dove sono intervenuti personaggi dello spettacolo, della musica e dello sport oltre che, naturalmente, Mr Bid.

  • redevil

    un pò compre prezzi pazzi mi pare di aver capito.. cambia qualche dettaglio, ma poca differenza :)

  • BarH

    Mah..le solite cose, già viste, già provate..ma riuscire a prendere qualcosa è veramente impossibile :) qualcuno c’ è mai riuscito?

  • ajalro

    vendono l’iphone 4 e l’iphone 4G….sarebbe??????

  • kaneda79

    ma, non ci ho mai creduto più di tanto a questo tipo di aste, anche se ho investito un decino per provare.

    Di primo acchitto pare che per far partire un asta ci vogliano giorni e quindi viene quasi voglia di investire tutto in un solo oggetto e campare con i rilanci automatici, in attesa di una mail per sapere se hai vinto l’asta o meno. il problema è che a furia di rilanci automatici (che poi non so su quale base venga scelto l’ordine del rilancio) uno si possa ritrovare pure cn un prezzo superiore alla aspettative.